Monday, February 24, 2014

Ayuthaya: the Thai sacred city.

DSC_0419







Ciao carissimi amici, so già cosa direte: ma dov'eri finita? Avete ragione, latito da diverse settimane dal blog. Potrei esibirvi tante giustificazioni, tra le quali l'uscita del mio prossimo libro. Ma tant'è.. 
Eccomi finalmente a raccontarvi del mio viaggio in Thailandia, una terra che mi ha sorpreso e dato grandi emozioni. L'ho snobbata per diverso tempo, senza un motivo in particolare. Avevo visto Bangkok molti anni fa e non ne ero stata particolarmente colpita. Sarà stato per questo o perché è una meta molto gettonata, chi lo sa? La molla decisiva che mi ha spinto a esplorare la Thailandia è arrivata con le bellissime e invitanti foto di mia figlia Francesca, scattate durante il suo viaggio estivo. Tanti argomenti mi hanno convinto: templi, natura rigogliosa, mare da favola. E così, dopo aver studiato un itinerario fattibile nelle due settimane che avevo a disposizione, sono partita, pronta a farmi stupire da questo paese che si è rivelato essere una meta perfetta. La prima località visitata, ancora prima di Bangkok, è stata Ayuthaya. Un tempo città fiorente, capitale del regno Siam dal 1350 al 1767, ha colpito non pochi visitatori del passato con i suoi templi sfarzosi e i palazzi ricchi di decorazioni. Un territorio ricco e molto ambito che l'imbattibile egida Siam riuscì a difendere dalle popolazioni straniere fino al 1767, quando l'esercito birmano fece capitolare, una volta per tutte, un impero durato quattro secoli. Da allora ogni cosa è stata lasciata andare in rovina. Solo recentemente, si è cominciato a valorizzare Ayuthaya con massicce opere di restauro. Dei quattrocento templi che esistevano è rimasta solo una minima parte che, con molto sforzo immaginativo, può far capire l'importanza e la bellezza di questa città. Sono arrivata qui con un taxi preso a Bangkok, a circa 90 km di distanza. Dopo una contrattazione estenuante, ho patteggiato una cifra tutto sommato abbordabile, 1800 BHT, circa 40 euro per l'intera giornata, evitando di dover prendere treni o autobus che mi avrebbero fatto perdere molto più tempo. Ho visitato prima di tutto Wat Phra Si Sanphet, il complesso più importante e maestoso, destinato un tempo a importanti cerimonie reali. Poi, è stata la volta di Wat Phra Ram, bello ma poco accessibile. Dopo queste due prime tappe, un colpo al cuore: a Wat Mahathat un volto di Budda intrappolato tra le radici di un ficus. Un'immagine davvero bella e singolare. Nessuno sa come è nato questo strano connubio fra arte, misticismo e Natura. Al di là di tutte le possibili congetture che sono state formulate per spiegare la presenza di una testa di Budda tra le radici di un albero, rimane uno dei luoghi più suggestivi. Imperdibile anche Wat Chai Wattanaram, fino a decine di anni fa ancora sommerso dalla giungla, adesso riportato al suo antico splendore. E' uno dei siti più fotografati di Ayuthaya con il suo prang centrale (torre in stile Khmer) alto 35 metri. Mi ha impressionato Wat Lokayasutharam, un Budda reclinato di 37 metri, visitatissimo dai fedeli e ricoperto dalla tradizionale stoffa gialla. Da vedere anche Wat Phanan Choeng, famoso per una statua di Budda alta 19 metri circondata da 84000 piccole sculture, sempre di Budda, collocate in nicchie nelle pareti. Un'atmosfera magica! Se dopo tutto questo misticismo vi viene voglia di curiosare tra le innumerevoli specialità culinarie che la Thailandia propone, vi consiglio di aggirarvi tra le bancarelle di un mercatino che si trova nelle vicinanze di Wat Phra Sanphet. Un trionfo di colori e di odori.
E adesso le foto.
Un bacione a tutti voi!

Ciao my dear friends, I already know what you could say: where were you? You are right, I was away during several weeks from the blog. So many explanations, including the issue of my new book. I am finally here to tell you about my trip to Thailand, a land that has surprised me and gave great emotions . I snubbed this country for some time, for no reason in particular. I had been to Bangkok many years ago and I was not particularly impressed. I convinced myself to visit Thailand after seeing the beautiful and attractive pictures of my daughter Francesca, taken last August. Many arguments to convince me: temples, lush Nature, fabulous sea. So, after studying a feasible route for the two weeks that I had to spend, I left, ready to be seduced by this country that has showed me to be a perfect destination. The first place that I visited, even before Bangkok, was Ayuthaya. It was once a thriving city, the capital of the kingdom Siam from 1350 to 1767. He surprised many visitors of the past with its magnificent temples and palaces of the rich decorations. The aegis Siam was able to thwart many attacks of foreign populations until 1767, when the Burmese army succeeded to win, once and for all, an empire that lasted four centuries. Since then, everything was left to decay. Only recently, it has begun to value Ayuthaya with massive restoration works. You can find here only a small part of the four hundred temples that existed in this city and with an imaginative effort, you can understand the importance and beauty of this site. I came here by taxi from Bangkok, about 90 km away. After an exhausting negotiation with the taxi driver, we agreed to pay 1800 BHT, about 40 euro for a whole day. If we had taken trains or buses we would have lost a lot more time. I first visited Wat Phra Si Sanphet, the most important and majestic complex, once it was destined to major royal ceremonies. Then, it was the turn of Wat Phra Ram, beautiful but not very accessible. After these two stages, a shot to the heart: at Wat Mahathat, a Buddha's face trapped among the roots of a ficus. A really beautiful and unique image. No one knows how this strange combination of art, mysticism and nature was possible. Beyond all several conjectures that have been invented to explain the presence of a head of Buddha among the roots of a tree, it remains one of the most evocative place that I saw. Do not miss Wat Chai Wattanaram, ten years ago was still overwhelmed by the jungle, now it is restored to its former glory. It is one of the most photographed sites in Ayuthaya with its central prang ( Khmer -style tower ) 35 meters high. Wat Lokayasutharam, a reclining Buddha of 37 meters, impressed me a lot. It is very visited by the devoted and covered by the traditional yellow cloth. Wat Choeng Phanan is another interesting temple, famous for a statue of Buddha 19 meters high surrounded by 84000 small sculptures of Buddha placed in niches in the walls. A magical atmosphere ! If after all this mysticism you just want to browse through the many culinary delights that Thailand offers, I recommend you to stroll among the stalls of a market that is nearby Wat Phra Sanphet . A triumph of colors and smells.
And now the photos.
A big kiss to you all!


DSC_0375



DSC_0412



DSC_0369



DSC_0415



DSC_0466



DSC_0471



DSC_0399



DSC_0439



DSC_0389



DSC_0409



DSC_0453



DSC_0404



DSC_0451



DSC_0434



DSC_0401



DSC_0450



DSC_0382



DSC_0406



DSC_0448



DSC_0377



DSC_0375



DSC_0387



DSC_0442



DSC_0403



DSC_0407



DSC_0437



DSC_0394



DSC_0441



DSC_0430



DSC_0385



DSC_0373





31 comments:

  1. Marina, this is such an interesting experience! Thanks for taking me there! You look so good on these pictures! Hope you had a great time!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you so much dear Stanislava!
      A big kiss from Italy!

      Delete
  2. Brava Francesca che ti ha ispirata e brava tu che, come sempre, ci fai sognare con i tuoi post incredibili!
    Paola
    http://www.lechicchedipaola.it/

    ReplyDelete
  3. Un reportage di grande professionalità e straordinaria bellezza.
    Tra Marina e la Bellezza, c'è sempre un fantastico feeling !!!

    ReplyDelete
  4. Bellissimo diario meraviglioso i colori delle tue fotografia

    ReplyDelete
  5. Marina these are such beautiful pictures, looks like a stunning part of Thailand - glad you gave it a second chance :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you dear! It was a great idea to come back to Thailand!

      Delete
  6. Hi Marina! amazing blog, i love to travel is one of my passions. I'm following you on gfc .

    https://www.facebook.com/AmandaChicFashionRoomLounge?ref=hl
    Amanda chic

    ReplyDelete
  7. cara Marina,
    si me lo chiedevo, sapendo che prima o poi avresti raccontato un altro viaggio ;)
    però bisogna che ti "bacchettiamo "perché la tua assenza è davvero lunga :)
    skerzo ovviamente ;)
    una cosa che mi chiedo è come fai a ricordare tutti i nomi di ogni singola località, tempio, davvero precisa ! la cosa che fa impressione è come la fine di molti regni abbia anche coinciso con la distruzione dell' arte oltre che con tragiche vicende umane, in asia come in europa, e questo dovrebbe farci riflettere sulle rivoluzioni …che dovrebbero essere soprattutto morali e non distruttive. Molto bella sempre l' icona del Buddah, per questo sogno sempre un bel viaggio da quelle parti ;) bellissima l' immagine del Buddah coricato con il telo giallo, come le panoramiche sui templi e la torre khmer, il mercato però mi renderebbe ansiosa temendo di trovare cani da mangiare mi orienterei su un classico pesce fritto ;)
    un abbraccio ! Amy

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao dolcissima Amanda! Come sono felice di leggere i tuoi particolareggiati e deliziosi commenti…
      Mi ricordo tutte le località e i nomi perché ho l'accortezza di scrivere tutte le cose che potrei dimenticare nelle ultime pagine della mia fedele Lonely Planet. Anch'io non ho avuto il coraggio di assaggiare niente in quel mercato, lo confesso! Però, in altre bancarelle più normali, sì! Un bacione enorme!

      Delete
  8. Ciao carissima!
    Bhé che dire?
    Oltre che ci sei mancata tanto sul blog dico che le tue foto come sempre tolgono il fiato mentre la tua accurata e coinvolgente descrizione ci fa trasportare in quei posti meravigliosi!
    Tu raggiante, bellissima e super abbronzata!
    Un bacione grandissimo e in bocca al lupo per il libro!
    p.s: incredibile la testa del Buddha!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Sara, sei davvero un tesoro.. Sono contenta ti sia piaciuto il mio post!
      Un bacione grande!

      Delete
  9. Il tuo racconto è suggestivo come sempre!

    ReplyDelete
  10. Ciao Marina,
    It's nice to see that you are back blogging (though I shouldn't be speaking as I have been quite absent myself ;) )
    What beautiful pictures, I can't believe I live so close to Thailand and not yet been to Ayuthaya maybe it will be for the next trip. As for the food market I can understand that one can be a little reluctant in trying certain things but the more I travel around Asia, the more I tend to be a bit more adventurous with trying new market foods, but it took a while ;)
    Looking forward to your new book! x

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao dear! So happy to have news from you! You have to visit Thailand, it's so beautiful..
      Kisses from Italy!

      Delete
  11. Posti incredibilmente belli, che trasmettono , almeno a me, pace e serenità. Complimenti cara Marina.

    ReplyDelete
  12. Hi marina! thank you so much for your lovely comments. I like to discover new amazing places where to travel in your blog :)

    http://www.facebook.com/AmandaChicFashionRoomLounge?ref=hl
    http://fashionroomlounge.blogspot.com.es/
    Twitter / tumblr/ instagram: @fashionrlounge

    A chic kiss ;)
    Have a nice week!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thanks so much dear! Have a nice week end you too! A big kiss!

      Delete
  13. Ciao Marina, che bello rivederti sul blog, amo leggere i tuoi post ma questa non è una novità..queste foto sono splendide, così come la tua dettagliata descrizione. Devo dire che non è una terra che mi affascina tanto..ma quando sarà possibile un salto dovrò pur farlo, più le culture sono diverse e distanti dalla nostra, più quel viaggio tende a farci crescere e ci insegna tanto, più di quanto si possa leggere sui libri.

    Un caro saluto,
    Antonio <3

    M IS FOR MODE - Fashion Blog

    Follow me on Facebook, Twitter & Bloglovin

    ReplyDelete
    Replies
    1. E' proprio vero quello che dici, carissimo Antonio…Il viaggio è una fucina di conoscenza e cultura.
      Un bacione!

      Delete
  14. Ma che meraviglia! è davvero suggestivo il volto del Buddha che fuoriesce dal ficus...ed anche quello reclinato con la tradizionale stoffa gialla... vogliamo andarci.. deve essere magico davvero stare là, assaggeremmo di tutto, poi, golose come siamo!

    Un abbraccio,
    Eva e Valentina the anarCHIC

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Eva e Valentina, dovete assolutamente andare in Thailandia, consigliabilissima!
      Un bacione a tutt'e due!

      Delete
  15. che meraviglia questi posti.. abituati come siamo a vivere all'occidentale, è difficile anche immaginarsele queste popolazioni! un abbraccio

    ReplyDelete
  16. Belle foto come sempre Marina, farò anche io un viaggio del genere. Sarebbe bellissimo <3
    xoxo Donny
    www.fashionfordonny.com

    ReplyDelete
  17. Ciao Marina! Come sempre bellissimi post e bellissimi reportage fotografici! Volevo chiederti un consiglio..anche io sto organizzando un viaggio in thailandia per quest'estate e volevo sapere come hai suddiviso i tuoi 15 giorni e/o cosa non devo assolutamente farmi mancare! Grazie mille
    Baci

    ReplyDelete