Saturday, February 23, 2013

Rio de Janeiro : the endless seduction.

foto







Ciao carissimi amici, eccomi finalmente con un altro post dedicato al Brasile. Quale città può essere più rappresentativa di questo splendido paese? La mitica Rio de Janeiro! Ci sono arrivata in una perfetta giornata di sole e subito sono rimasta abbagliata dalla sua bellezza esplosiva e ridondante. Incastonata tra foreste, montagne e spiagge da sogno, animata dalla vivace e allegra popolazione carioca, colpisce al cuore e fa comprendere immediatamente il motivo per cui è così celebre.
Il mio albergo, JW Marriott, prenotato con un'ottima tariffa grazie a un amico che lavora per l'omonima catena, è a Capocabana, proprio di fronte alla famosa spiaggia. Sbircio la tabella delle tariffe alla reception e mi rendo subito conto che Raf ci ha fatto avere un prezzo incredibile. La camera, senza il notevole sconto avuto, sarebbe costata più di 800 euro! Rio è una città decisamente molto cara, ristoranti e locali hanno prezzi molto simili all'Europa se non maggiori. Per fortuna i taxi hanno tariffe abbastanza contenute e, a volte, sono il mezzo migliore per girare la città, soprattutto la sera quando è necessario essere molto prudenti. Il problema della criminalità è molto diffuso, mai allentare la guardia, non ostentare abbigliamento costoso, gioielli, portafogli gonfi di banconote e persino fotocamere sofisticate. Senza arrivare alla paranoia, meglio eccedere in prudenza piuttosto che rischiare di subire una rapina che potrebbe avere spiacevoli conseguenze. A me, per fortuna, non è successo niente, l'unico rammarico è aver lasciato a casa la mia adorata Nikon. Le immagini scattate con la compatta non mi hanno soddisfatto completamente. Un vero peccato. Spero tanto che il Brasile possa risolvere il pressante problema della criminalità, magari migliorando le condizioni della parte più povera della popolazione. 
Tornando a noi, cosa vedere a Rio? Io, come prima tappa, non ho avuto dubbi: il Cristo Redentor, situato sulla vetta del Corcovado (il cui nome significa "gobba") a 710 metri, con una vista mozzafiato sulla città, le montagne e la costa. Avevo l'intenzione di arrivarci col famoso trenino a cremagliera. Purtroppo, i tempi di attesa sono proibitivi: la giornata di sole ha convinto tanti turisti e il tempo di attesa è di due ore e mezza. Ci viene proposto un taxi-bus per arrivare alla vetta subito. Accettiamo, ma una volta arrivati quasi in cima scopriamo che si devono fare due file chilometriche per arrivare al sospirato Cristo. La prima per i biglietti per l'ultimo tratto fino al Corcovado e quindi un'altra fila per il bus che lo copre. Risultato: un'ora e mezza sotto il sole. La prendiamo con filosofia, facendo quattro chiacchiere con gli altri turisti in fila con noi. Arrivati finalmente in cima, il panorama ci ricompensa di tutto. Impressionante anche la statua del Cristo, di ben 38 metri. E' la star degli obbiettivi, insieme agli scorci di spiagge bianche e foreste lussureggianti. Prossima tappa, un'altro punto panoramico. Il famoso Pao de Açùcar. Qui, per fortuna, molta meno folla per i due tratti di funicolare. La prima arriva fino al Morro de Urca da dove si ammirano la baia de Guanabara e la praia Vermelha. La seconda funicolare sale fino alla vetta del Pao de Açùcar e qui il panorama è splendido. A ovest il Corcovado e a sud la spiaggia di Capocabana. Esaurite le visite ai due "must" di Rio, ci concediamo un bel giro a piedi sul lungo mare delle due spiagge più famose: Ipanema e Capocabana. Inutile dire che meritano ampiamente la fama di cui sono ammantate. Sabbia bianca, creste spettacolari sullo sfondo e un'eterogenea commistione di varia umanità dedita al rito della tintarella e del "vedere e farsi vedere". Alla sera, prima del tramonto, ci troviamo un posticino alla praia de Arpoador, una collinetta a metà tra Capocabana e Ipanema per ammirare il calare del sole, sorseggiando l'immancabile caipirinha. Uno spettacolo indimenticabile. 
Il giorno dopo, spiaggia e altri giri per la città. Visitiamo il quartiere di Santa Teresa, arroccato sulla collina, con le sue dimore antiche e le strade acciottolate che offrono la possibilità di ammirare una Rio de Janeiro ormai perduta. Nel XIX secolo era la zona residenziale più ambita della città per l'alta borghesia che prendeva il mitico bonde (tram) per raggiungere il centro. In seguito, ebbe un periodo di declino. Recentemente, molto artisti e intellettuali hanno iniziato a trasferirsi qui. Adesso è una specie di Montmartre brasiliana, interessante e vivace. Vicino, c'è il quartiere di Lapa, dove, soprattutto nel week end, i locali di samba e gli spettacoli improvvisati per strada la fanno da padrone, un'atmosfera da provare! 
Da non perdere anche il quartiere Centro, moderno e spumeggiante, con le sue chiese barocche, i grattacieli, le ampie piazze e le numerose isole pedonali tra le quali la più famosa è Saara.
Adesso le foto.
Un bacione a tutti voi!



Ciao dear friends, here I am with another post dedicated to Brazil. Which city can be more representative of this beautiful country? The legendary Rio de Janeiro! I arrived here on a perfect sunny day and I was immediately dazzled by its explosive and redundant beauty. Set among forests, mountains and beaches, animated by a lively and cheerful "carioca" population, it strikes at the heart and makes us immediately understand why it is so famous.
My hotel, JW Marriott, booked with a great rate thanks to a friend who works for the chain of the same name, is in Copacabana, just in front of the famous beach. I peep the rate table at the reception and I immediately realize that Raf let us obtain an amazing price. The room, without the substantial discount he gave us, it would have cost more than 800 euro! Rio is a very expensive city, restaurants and bars are priced very similar to Europe if not more. Luckily, taxis have cheap prices and, at times, are the best way to get around town, especially at night when you need to be very careful. The problem of crime is widespread, never loose the guard, do not flaunt expensive clothing, jewelery, wallets swollen with banknotes and even sophisticated cameras. Without arriving to paranoia, it's better to be extremely careful rather than risk of suffering a robbery that may have unpleasant consequences. Luckily, nothing happened to me, the only regret was that I left home my beloved Nikon. The images that I took with the compact camera weren't so satisfying. A real shame. I really hope that Brazil can solve the pressing problem of crime, perhaps by improving the conditions of the poorest part of the population.
Back to us, what to see in Rio? As a first step, I had no doubts: the Cristo Redentor, located on the summit of Corcovado (whose name means "hump") at 710 meters, with a breathtaking view of the city, the mountains and the coast. I was going to get there with the famous cog railway. Unfortunately, the waiting times are prohibitive: the sunny day has convinced many tourists and the waiting time is two hours and a half. Somebody offers us to get to the top immediately by a taxi-bus. We accept, but once we got near the top, we find that we have to stay in two very long lines to arrive to Cristo Redentor. The first is for the tickets for the last stretch to the Corcovado and then another line is for the bus that covers it. Result: an hour and a half in the sun. We take it easy, having a chat with the other tourists in line with us. Finally arrived at the top, the panorama reward of all. The statue of Christ is impressive too, 38 meters high. It 's the star of objectives, together with the views of the white beaches and lush forests. Next stop, another viewpoint. The famous Pao de Acucar. Here, fortunately, much less crowd for the two lengths of cable car. The first is up to the Morro de Urca where you can admire the bay of Guanabara and praia Vermelha. The second funicular climbs to the top of Pao de Acucar and here the view is splendid. At the west side there is the Corcovado and at the south side the beach of Copacabana. After all the visits to the two "musts" in Rio, we treat ourselves to a nice, pleasant walk along the seafront of the two most famous beaches: Ipanema and Copacabana. Needless to say,  they well worth the fame of which are cloaked. White sand, spectacular peaks in the background and a heterogeneous mix of varied humanity dedicated to the ritual of sunbathing and the "see and be seen." In the evening, before sunset, we take a place at Praia de Ipanema, a hill halfway between Copacabana and Ipanema, to admire the sunset, sipping the inevitable caipirinha. An unforgettable sight.
The next day, the beach and other tours around the city. We visit the Santa Teresa district, perched on the hill, with its old houses and cobblestone streets that offer the chance to see a Rio de Janeiro that now is lost. In the nineteenth century it was the most desired residential area of ​​the city for the upper middle class who took the legendary bonde (tram) to the center of the city. Then, a period of decline arrived. Recently, many artists and intellectuals have begun to move here. Now it is a kind of Brazilian Montmartre, interesting and lively. Not far from here, there is the district of Lapa, where, especially over the weekend, the samba clubs and the improvised performances on the street are very nice, an atmosphere to try!
Do not miss the Centro, a modern and sparkling area, with its baroque churches, skyscrapers, large squares and numerous traffic islands among which the most famous is Saara.
Now the photos.
A big kiss to you all!



DSC02144





foto-3






foto-4













DSC00500




DSC02180




DSC02160





foto-6



foto-5




DSC02171




DSC00476





DSC00465





foto-4 copia




foto-1 copia 2





DSC02173





DSC02142

30 comments:

  1. Beautiful photos Marina!!

    xx

    http://www.janmarcel.com/

    ReplyDelete
  2. Sei riuscita a goderti un po' di carnevale?
    Magari qualche preparativo.
    Baci!

    ReplyDelete
  3. ciao Marina! quel viaggio deve essere stato un vero sogno! il tuo resoconto utile perchè ancora poco si sa di certi dettagli da visitare a parte le mete più famose ;) peccato per non avere portato l tua Nikon, mail tuo telnto fotografico rimane ;) ma non ti biasimo! forse nemmeno si immagini il livello criminale del brasile! per chi come me non c'è stato mai ;) spero davvero che il suo governo proceda per la giusta strada ;) splendide viste panoramiche! !!! bacioni !!! amy♥Amy♥

    ReplyDelete
  4. Such beautiful pictures :) Hope you enjoyed your stay there.
    www.flowerofpassions.blogspot.com

    ReplyDelete
  5. Un altro scorcio di paradiso! Anche se la coda è stata lunga ne è valsa la pena direi! Peccato per la reflex!

    ReplyDelete
  6. Un Paese dove è sempre estate, non può essere che solare e creativo. Guarda la scultura sulla spiaggia! ^_^

    ReplyDelete

  7. CIAO MARINA!
    davvero bellissima la spiaggia del Brasile!
    passa a trovarmi - xx THE MILANO MODE


    Jean Paul Gaultier Pochette Giveaway
    http://www.themilanomode.com/2013/02/jean-paul-gaultier-pochette-giveaway.html

    ReplyDelete
  8. Amazing blog! I love travelling and Rio de Janeiro is fantastic place! I'm your new follower!:)

    Sun and Sany

    ReplyDelete
  9. very beautiful!

    http://thedaydreamings.blogspot.de/

    ReplyDelete
  10. Marina... mi devi un po' di sole. Il giorno in cui hai pubblicato il post su Salvador de Bahia qui si è messo a nevicare (parlo della riviera ligure, mica del Trentino). Oggi... nevischia. Sono curioso di vedere cosa succederà con il tuo prossimo post sul Brasile :)

    Scherzi a parte, che posto meraviglioso deve essere; si capisce il perchè della famosa "saudade do Brasil". Comprendo anche il tuo rammarico per non aver potuto portare con te la reflex, tuttavia mi sembra che la compatta si sia comportata egregiamente. La foto d'apertura, complice il tempaccio che c'è oggi, mi fa sentire il bisogno di caldo, la voglia d'estate.
    La foto dalla funicolare toglie il fiato ed in generale tutte le foto scattate dall'alto verso il panorama sottostante sono molto belle.

    Ops... mi è scappato un "publish" al posto del "preview", spero tu possa eliminare il commento precedente pubblicato per errore

    Tornando al tuo viaggio in Brasile, spero di poter vedere pubblicata presto qualche altra tappa. I tuoi post sono decisamente più accattivanti delle solite guide e riviste di turismo e, vista la tua recente esperienza editoriale, potresti prendere in considerazione l'idea di qualcosa su un tema a te caro e familiare: i viaggi.

    Un salutone ed a presto :)
    Flavio


    ReplyDelete
  11. Il Brasile è un sogno che non ho ancora realizzato e mi hai fatto venire ancor piu' voglia di partire. Come ti capisco per la macchina anch'io ho dovuto lasciare la Nikon a casa quando sono stata in Colombia.
    Racconto dettagliato e utilissimo come sempre!
    Ciao cara!

    Arianna

    ReplyDelete
  12. secondo me le foto sono venute bellissime lo stesso!!!
    anzi di più!!!!
    il Basile è splendido , peccato questo problema della criminalità, spero di poterci andare un giorno!!
    baci!!!

    ReplyDelete
  13. OMG! I envy you much! This is definitely on my bucket list. I want to dance with one of those samba clubs. I love to take photos of myself in Jesus christ's statue too

    ReplyDelete
  14. Che meraviglia!
    Paola
    http://www.lechicchedipaola.it/

    ReplyDelete
  15. Immagini splendide anche senza Nikon, che voglia di vedere quei panorami!!!
    Baci :-)
    Manu

    http://manudfancynotes.blogspot.it/

    ReplyDelete
  16. Una delle mete più divertenti, colorate e musicali! Rio. Che meraviglia!

    Un abbraccio
    Ale :)

    ReplyDelete
  17. un altro bellissimo post!!! mari i tuoi sono sempre degli ottimi reportage di viaggio!!! è un piacere leggere la tua descrizione e vedere le tue foto!
    un bacione!

    ReplyDelete
  18. Desde luego son unas fotos estupendas..un beso desde Murcia...

    ReplyDelete
  19. Spettacolo Marina, spero di andarci presto, Franz è stato invitato ad esporre in Argentina... magari unire i due stati.. :-D
    Ti abbraccio fortissimo tesoro.

    Titti

    http://dellaclasseedialtremusiche.blogspot.it/

    ReplyDelete
  20. Che post meraviglioso carissima Marina, è uno dei miei sogni andare a Rio!
    Mi hai trasportata proprio li grazie a questo post stupendo!
    Grazie!!!
    Un bacione grande!!
    Veronica
    http://veronicamapelliphotography.blogspot.it/

    ReplyDelete
  21. Amazing mix between beautiful nature and urban buildings! Stunning statue of Redentor, great subjects caught in your camera!

    ReplyDelete
  22. Marina, i tuoi viaggi e le tue foto sono sempre sensazionali. Complimenti! :)

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    ReplyDelete
  23. Ciao Marina, se ti va di passare da me c'è un post ispirato dalla tua richiesta! Un abbraccio!
    Paola
    http://www.lechicchedipaola.it/

    ReplyDelete
  24. amazing photos! wow, here in germany it's cold and snowing. so great to see summer impressions

    ReplyDelete
  25. Rio de Janerio e' davvero un posto stupendo. Un posto dove deve andare ogni viaggiatrice / viaggiatore.


    http://italiaaamia.blogspot.com/

    ReplyDelete
  26. Wow awesome pics...

    Rio de Janerio is the best natural gift from god. It is one of my favorite place for travel. Here your pictures increase more beauty of Rio De Janerio.

    ReplyDelete
  27. Your blog is just AMAZING. I could read it all day long....I dream on visiting Rio one day :-)

    chantellaa.blogspot.com

    ReplyDelete
  28. Non son mai stata in Sud America ma credo che questa città sia da vedere una volta nella vita!
    PS: ti segnalo un concorso a cui sto partecipando, se ti interessa puoi leggere il mio reportage e votandolo (ti registri e clicchi sul cuore) partecipi all'estrazione di 19 week-end in Umbria! ;)
    clicca qui

    ReplyDelete