Saturday, December 31, 2011

Happy New Year from the Iguazu Falls!




Carissimi amici, sono in Argentina e precisamente alle Iguazu Falls. Sto per partire per Buenos Aires dove trascorrerò il Capodanno. Il 2 gennaio andrò in Patagonia. Qui la connessione é molto lenta e non riesco a fare post ma volevo augurarvi lo stesso buon Anno e condividere con voi questo filmato per farvi vedere le bellissime cascate che ho visto ieri e farvi capire l'esperienza fatta con il gommone sotto le cascate. Troppo divertente! Un bacione e tanti auguri!


My dear friends, I'm in Argentina and precisely, at Iguazu Falls. I'm gonna leaving in two hours  for Buenos Aires where I will spend the New Year's Eve. The 2nd of january I will go to Patagonia. Here the Wi Fi is very slow and difficult and I can't post but I want to wish you A Happy New Year and share with you this little movie to let you admire the beautiful falls that I saw yesterday and share with you the experience that I had with the boat under the falls. Too amusing (and wet!!!!). A big kiss and Happy New Year from my heart!

Sunday, December 25, 2011

Merry Christmas to everybody!!!!

DSC_0259



Un caro augurio da me, Chiara, Francesca, Valentina e Matilda (e Pumba che non si é fatto fotografare!)!!!

A merry Christmas from me, Chiara, Francesca, Valentina and Matilda (and Pumba that didn't want to pose for the picture!)!!!

Tuesday, December 13, 2011

Not just a dream Oahu Hawaii

Hanauma bay   Oahu  Hawaii

Hanauma Bay




Ciao a tutti, carissimi amici! Oggi vi parlerò della fantastica isola di Oahu, nelle famosissime isole Hawaii.
Un arcipelago conosciuto in tutto il mondo, evocatore di spiagge bianche e acqua cristallina, musiche grondanti ukulele, natura selvaggia e primitiva. Oahu é tutto questo ma anche di più. Se vi aspettate la tipica isola incontaminata dove la Natura regna sovrana, potreste rimanere delusi. Ci sono molti luoghi intatti ed inviolati, ma, essendo un'isola statunitense, i grattacieli e gli shopping center sono molto presenti. Nonostante ciò, ho amato molto questo luogo, allegro e stimolante, un crogiolo di razze e di contraddizioni.
Appena scesa dall'aereo, sono stata colpita subito da un'esplosione di luce e di colori. Un susseguirsi di immagini, profumi, ridondanza cromatica che assale all'improvviso e dà quasi le vertigini. Un'overdose di emozioni che accompagnerà tutta la durata del soggiorno alle Hawaii.
Qui si possono vivere tante esperienze. Nuotare con le tartarughe in spiagge solitarie. Prendere il sole su una battigia affollata come nella costa romagnola. Fare trekking in una Natura selvaggia e quasi primitiva. Ammirare una It bag nelle vetrine iper griffate di Kalakaua avenue a Waikiki. Seguire le evoluzioni spericolate dei surfisti kamikaze a Banzai Pipeline. Ordinare un Brunello di Montalcino in uno dei ristoranti chic dei grandi alberghi.
Questo miscuglio di contraddizioni costituiscono il fascino di Oahu. 
Per  la nostra visita partiamo dalla mitica Waikiki. Piena di grattacieli e shopping center ma animata da uno spirito vacanziero e cosmopolita. Lo struscio per vedere i negozi grandi firme é d'obbligo. Una cenetta in un buon ristorante etnico anche. 
La spiaggia é deludente, il corallo é  rovinato o inesistente e la calca é insopportabile. Meglio noleggiare un'auto e dirigersi verso la costa est che riserva un carnet di luoghi splendidi.
Un posto che non si può assolutamente saltare é Hanauma Bay, un cratere sommerso, diventato luogo prediletto di una miriade di pesci coloratissimi. Essendo un parco, l'accesso é a pagamento e limitato, bisogna arrivare presto per essere sicuri di entrare ma lo snorkelling che farete ripagherà dell'alzataccia.
Continuando  verso est, troviamo la spiaggia di Waimanalo, selvaggia e molto frequentata dai locali,con un'acqua di un colore incredibile. Subito dopo, la mitica Kailua, famosa per il surf e il windsurf. Qui, Waikiki sembra lontana anni luce. Niente grattacieli ma abitazioni di legno con massimo due piani. Atmosfera sportiva e rilassata, gente simpatica e allegra. Qualche chilometro più avanti, Lanikai beach, mare meraviglioso e cristallino e isolette paradisiache di fronte, le Mokulua islands.
Ma la spiaggia che più mi ha colpito é stata Waimea, sulla costa nord. Ci sono stata in estate, l'acqua era piattissima e ideale per lo snorkelling. In inverno non sembra lo stesso posto. Onde gigantesche, come a Sunset beach e Banzai Pipeline, mete di surf estremo. A Waimea ho nuotato con due tartarughe giganti che, abituate alla presenza umana, si sono fatte seguire docilmente. Un'emozione fortissima.
Un post da non perdere é Diamond Head. E' il cono di tufo di un cratere spento, non lontano da Waikiki. Dalla sommità si ammira un panorama favoloso. Un altro luogo assolutamente da visitare é la base navale di Pearl Harbour. 
Qui, il 7 dicembre 1941 fu affondata la corazzata Arizona dai bombardieri giapponesi. Il museo e il monumento galleggiante sono assolutamente da visitare. Un pezzo di Storia che non può essere dimenticato.
Adesso le foto. A presto!


Ciao to everybody, my dear friends!Today, I will introduce you the fantastic Oahu island in the very famous Hawaii. An archipelago known all over the world that evokes white beaches and cristalline waters, musics played with the ukulele, a Nature pristine and wild. Oahu is all of this but also more. If you are expecting the typical island where the Nature reigns supreme, you could be disappointed.
There are a lot of places that are intacts and untouched, but, being a United State's island, the skyscrapers and the malls are very present.
Despite this, I loved a lot this place, cheerful and interesting, a races's and contraddictions's melting pot.
When I went out from the airplane I was immediately striked from a light's and colors's explosion.
A nonstop flow of images, perfumes, chromatic redundancy that suddenly floods over and almost  gives you
dizzy spells. An emotions's overdose that will be always with you during the stay in Hawaii.
Here you can live a lot of experiences. Swimming with the turtles in secluded beaches. Having a sun bath in a crowded foreshore like in the Romagna's coast. Hiking in a wild and almost pristine Nature. Admiring an It bag in a luxury shop window in Kalakaua avenue in Waikiki. Following the kamikaze surfers's rush performances in Banzai Pipeline. Having a Brunello di Montalcino's wine in a chic restaurant in Waikiki.
This mix of contraddictions is the Oahu's appeal.
For our visit we will leave from the legendary Waikiki. It is plenty of skyscrapers and malls but it is animated by a holiday and cosmopolitan spirit. A walk to admire the luxury shops is obligatory. A good dinner in an ethnic restaurant too.
The beach is disappointing, the reef is damaged or nonexistent and  the crowd unbearable. It's better to rent
a car and to head to the east coast that reserves a splendid places's carnet.
A place that you can't miss is Hanauma Bay, a submerged volcano's crater, became a favourite place for a multitude  of colored fishes. It is a park, you have to spend 8$ to enter and to arrive very early because the access is limited, but the wonderful snorkelling will compensate for the early get up.
Going to east, we will find the Waimanalo beach, wild and full of local people, with a fantastic sea. Immediately after, the legendary Kailua, famous for the surf and the windsurf. Here, Waikiki seems to be far away. No skyscrapers but only little wood buildings with at maximum two floors. Few kilometers further on, Lanikai beach, marvellous and cristalline sea and the idylliac Mokulua islands in front.
But the beach that impressed me more was Waimea, in the north shore. I was here during the summer, the water was very smooth and ideal for the snorkelling. During the winter time it seems to be another place. There are monster waves, as in Sunset beach and Banzai Pipeline, extreme's surf destinations. In Waimea I swimed with two giant turtles used to the human presence. It was fantastic to follow them.. A touching emotion.
Don't miss Diamond Head. It's a tuff cone and crater formed by a violent steam explosion, not far from Waikiki. From the top, a wonderful panorama can be admired. Another place not to be missed is the Pearl Harbour's naval base. Here, the 7 of december 1941 the Arizona battleship was sunk from the japanese bombers. You absolutely have to visit the museum and the floating monument. A piece of History that couldn't be forgotten.
And now the pictures. See you soon!



hawaiian fiord


Halona beach cove, near Hanauma beach.







DSC_0293






DSC_0352




Lanikai beach Oahu Hawaii



Lanikai beach.






DSC_0277
Waimea beach.






sea turtle in Waimea bay
married in paradise



Manana island    Oahu    Hawaii



Manana island.







DSC_0247






DSC_0280



Waimea beach.







DSC_0273


Waikiki.






DSC_0254


Pali look out.





DSC_0610





DSC_0253



Pali look out.






DSC_0242
Waimanalo beach.






Waikiki from Diamond Head



Waikiki from Diamond Head.







DSC_0284





DSC01021


Hanauma bay.






DSC01014




Halona beach cove.






DSC01019



Hanauma bay.


































Saturday, December 10, 2011

The first article about my blog in Style.it!!!!

 Schermata 2011-12-10 a 12.55.14




Schermata 2011-12-10 a 12.55.48(1)





Ciao carissimi! Sono felicissima perché oggi, su Style.it, é uscito un articolo sul mio blog. La dolcissima e professionale Gabrielle Marie mi ha intervistato in inglese ed ha tradotto il pezzo in italiano. In seguito, fino alla fine del mese, sarà tradotto in inglese, francese e spagnolo. E' stato un grande onore per me. Un grande grazie a Gabrielle ed un altro anche a voi che avete visitato e lasciato commenti sul mio blog. 
Per visionare l'intera intervista  clicca qui



Ciao my dear friends!I'm very happy today, there is an article about my blog on Style.it. The professional and very sweet Gabrielle Marie interviewed me in english and translated the piece in italian. Later on, till the end of the month, it will be translated in english, french and spanish. It was a great honour for me. Many thanks to Gabrielle and to you that visited e wrote kind comments on my blog.
To read the entire interview clicca qui

Thursday, December 8, 2011

Yucatan The mistery of the Maya

El Castillo    Chichen Itza     Mexico



Carissimi amici, un popolo che mi ha sempre affascinato é quella dei Maya. Complice poi  la leggenda della profezia, questa antichissima civiltà é diventata molto di moda. Al di là della questione se crederci o no, questo popolo merita ampiamente la sua fama. Insediatosi nelle zone dello Yucatan, Honduras, El Salvador, Guatemala e Belize, si é sviluppato principalmente in due periodi. Il periodo preclassico che va dal 1500 a.c. al 317 d.c. e quello classico dal 317 d.c. al 987 d.c. E'stata una civiltà molto all'avanguardia in diversi campi,soprattutto in quelli astronomici, matematici e urbanistici. Alcune delle loro conoscenze sono ancora stupefacenti. Ad esempio il metodo che usavano per calcolare e dividere il tempo è in assoluto il più preciso e dettagliato, persino più di quello che viene usato oggigiorno, il calendario Gregoriano.
Famosissima poi é la profezia che sostiene che il mondo finirà tra il 21 e il 23 dicembre 2012, in assoluto una delle più controverse e dibattute. Alcuni ricercatori sostengono che questa profezia si basa sul calcolo di una prossima inversione del campo magnetico terrestre. A causa di un avvicinamento della Terra a Venere si creerà un cambio vibrazionale e la presunta fine del mondo comincerà con un'eclissi di sole.
Crederci? Non crederci? Io non ci credo, sono un'inguaribile ottimista e soprattutto sono molto scettica circa questi pseudo scienziati che sfornano teorie più o meno bislacche.
L'unica cosa che posso dire é che durante un mio viaggio in Yucatan l'anno scorso sono rimasta senza parole davanti alla magnificenza e alla bellezza di molti siti Maya.
Qualche località : Edznà, famosa per la piramide a cinque piani, Uxmal, splendida e misteriosa, Chichen Itzà, conosciuta in tutto il mondo per il maestoso "El Castillo" e Cobà che é stata letteralmente strappata alla vegetazione della giungla.
Ora lascio parlare le foto. A presto!


My dear friends, the ancient times people that always captivated me are the Maya. This very ancient civilization is very famous for the prediction and consequently, very trendy. Beyond all the matters about believing or not to this prophecy, these people fully deserve their fame.They were settled in Yucatan, Honduras, El Salvador, Guatemala and Belize and they developed mainly in two periods. The pre-classical that goes fom 1500 a.c. till 317 d.c. and the classical from 317 d.c. till 987 d. c. This civilization was on the cutting edge in several fields, especially in astronomy, mathematics and urban planning. Some of their knowledge are still stunning. For exaple, the method that they used to calculate and divide the time is, undeniably, the most precise and detailed, even more than the Gregorian calendar that is used nowadays. Very famous is the prophecy that asserts that the world will finish between the 21 and the 23 december 2012, by far one of the most disputed and debated. Some researchers claim that this prediction is based on the calculation regarding a forthcoming inversion of the terrestrial magnetic domain. Because of an approach of the Earth to Venus there will be a vibrational change and the world's end will begin with a sun's eclipse. Believing? Not believing? I don't believe it, I'm a chronic optimist and above all I'm very sceptical about these pseudo scientists that churn out theories more or less weird.
I can only say that during my trip to Yucatan last year, I was completely speechless in front of the magnificence and the splendor of  many Maya's sites.
Some places : Edznà, famous for its 5 floors pyramid, Uxmal, splendid and misterious, Chichen Itzà ,known all over the world for the wonderful "El Castillo" and Cobà that was literally pulled out from the vegetation of the jungle.
And now, the pictures will tell you everything. See you soon!



Piramide de los Cinco Pisos  Edzna


La piramide di Edznà.

The Edznà pyramid.






Uxmal     Mexico



Uxmal






DSC_0941



Un'iguana.

An iguana.





DSC_0800



Uxmal Palacio del Gobernador.






DSC_0821




Uxmal ( E' stato terribile scendere da qui!).
Uxmal (It was terrible to go down from here!).





DSC_0805



Uxmal.






into the Maya mistery




Uxmal.







DSC_0836




Un dettaglio.

A detail.







DSC_0824








DSC_0819_picnik




Uxmal.









DSC_0864




Chichen Itzà.








the skulls of Chichen Itzà





Chichen Itzà.








DSC_0857






the handkerchief's seller



Una venditrice di fazzoletti.
An handkerchief's seller.







DSC_0873




El Castillo by night.








the Gran Cenote    Mexico




Un rinfrescante Cenote.
A refreshing Cenote.






DSC_0880





Cobà.






DSC_0889


























Monday, December 5, 2011

Stunning Australia The West Coast

sunset in monkey mia-western australia



Carissimi amici, oggi vi parlerò di un meraviglioso continente chiamato Australia. Ci sono stata due volte e in tutt'e due le occasioni  mi ha stupito con i suoi panorami incredibili. Non dimenticherò mai il tramonto ad Ayers Rock, l'atmosfera gioiosa di Darwin, la bellezza di isole come Magnetic Island e le Withsundays, l'incanto di Sydney o di Perth.
A nord di Perh, poi, c'é una costa incantata e ancora poco visitata, che riserva delle autentiche sorprese.
Sono partita da Perth, in auto, perdendo molto spesso la giusta direzione. I cartelli stradali in Australia non sono molto diffusi e, lontani dalle grandi città, é facile macinare chilometri e rendersi conto, dopo molto tempo, di avere sbagliato completamente strada. Bisogna poi fare molta attenzione ai tanti animali che si possono investire, primi fra tutti i poveri canguri che sono  le vittime più diffuse degli automobilisti.
A parte questi due aspetti negativi, questa parte di Australia é meravigliosa e vale la pena di essere visitata.
Il primo stupefacente parco che si incontra, a 250 km da Perh é il Nambung Park o Deserto dei Pinnacoli.
E' costituito da stranissime formazioni argillose, dei pilastri appunto, che si ritiene siano stati formati da una lenta erosione dell'acqua che ha corroso la parte più tenera dell'argilla, lasciando quella più cristallizzata.
Molto più a nord di Perh, a circa 8oo km di ditanza troviamo Shark bay che offre due posti indimenticabili :
Shell beach e Monkey Mia.
Come dice il nome, Shell Beach é una stupefacente spiaggia lunga 60 km dove, al posto della sabbia troviamo tante minuscole conchiglie, le Coquina Bivalve. Incredibile la suggestione di questo posto. Guardate le foto per credere.
Infine, Monkey Mia, famoso in tutto il mondo per i suoi delfini selvatici che , ogni mattina vengono a pochi metri dalla riva e nuotano senza paura vicino agli esseri umani. Una sensazione indescrivibile. Ti guardano e sembra ti vogliano parlare. Assolutamente vietato accarezzarli per non trasmettere malattie pericolose.
Io ho fatto amicizia con un delfino che mi girava sempre intorno e sembrava mi sorridesse. Lo vedrete nella foto più avanti.
A presto!


My dear friends, today I'm going to tell you about a marvellous continent called Australia. I've been here twice and every time I was surprised by its incredible panoramas. I'll never forget the sunset at Ayers Rock, the joyful atmosphere in Darwin, beautiful islands like Magnetic island or the Wythsundays, the enchanting Sydney and Perth. In the North of Perth there is a a fantastic coast  not very known that can gives you authentic surprises.
I left from Perth by car and I lost very often the right direction. The roadsigns are not very common and , far from the big cities, it's easy to drive for a lot of kilometers and understand, after a lot of time, to be in the wrong direction.
It is also necessary to be very careful cause it's very common to knock down the animals, especially the poor kangaroos.
Except these two negative aspects, this part of Australia is marvellous and it is really worth it.
The first stunning park, 250 km from Perth is the Nambung Park or most commonly, the Pinnacles Desert.
It is formed by very strange clayey formations, a kind of pillars. It is considered that they were formed by a slow water's erosion that eroded the clay's more tender part, leaving the most crystallized .
Far away, 800 km from Perth, we reach Shark bay that offers two fantastic places: Shell beach and Monkey Mia.
Shell beach is called like this because in place of the sand there are billions of little shells, the Coquina Bivalve. It's an amazing beach, long 60 km. Look at the pictures and  you will understand the uniqueness of this 
place.
Finally, Monkey Mia, famous all over the world for its wild dolphins that every morning arrive few meters from the beach and swim near the tourists without any fear. A sensation beyond description. It seems that they want to talk to you. It's absolutely forbidden to touch at them, they could catch a disease.
I became a friend with a dolphin that continued to stay by my side and seemed to smile at me. You'll see in the picture. See you soon!




pinnacles desert



Pinnacles desert.








197





196






188






209



Primavera nel deserto.

Springtime in the desert.






shell beach




Shell beach.







214







my friend in monkey mia




Il mio amico a Monkey Mia.

My friend in Monkey Mia.






211
Fiori nel deserto.

Flowers in the desert.






217




Monkey Mia beach.